Una parte importante del Molise – Cerro al Volturno e l’Abbazia di San Vincenzo al Volturno.

Admin
By Admin maggio 9, 2016 13:41

Una parte importante del Molise – Cerro al Volturno e l’Abbazia di San Vincenzo al Volturno.

Story Highlights

DSCF0713.jpgLa Regione Molise ha una estensione di 4. 438 Kq di cui il 55,3 % montuoso e il 44,7 % collinare. La parte Montuosa è costituita dalla catena delle Mainarde , dal Massiccio del Matese, da Monte Capraro e Monte Campo di Capracotta. La parte pianeggiante è limitata alla piana di Venafro e la piana di Bojano , mentre la parte collinare e a tratti pianeggiante è sulla fascia costiera dell’Adriatico. La regione Molise è una delle regioni più giovani d’Italia, infatti la sua costituzione risale al 1963 quando ci fu il distaccamento dalla Regione Abruzzo. Due importanti centri turistici per lo sci li troviamo sui monti di Campitello Matese e sui monti del comune di Capracotta, mentre sulla catena delle Mainarde dove svetta Monte Meta a 2241 m s.l.m. abbiamo il Parco Nazionale Abruzzo, Lazio e Molise che offre dei meravigliosi percorsi turistici tra i camosci, i cervi e tanti altri animali che stanziano nell’area del Parco. E’ qui in questa meravigliosa valle del Volturno dove i tre giovani Beneventini Paldo, Taso e Tato convinti dall’abate Tommaso  Morienna dell’abazia di FARTA (Rieti) vennero alle sorgenti del Volturno per fondare il monastero che si concentra una parte importante della storia del Molise. I paesi sono dei veri e proprio paesaggi, quasi tutti furono costruiti su rocce per difendersi dai loro principali nemici “i Saraceni” che in quei tempi assalivano, depravavano e distruggevano comunità intere. Dal Video di Air Abruzzo “Scrigni d’Appennino” possiamo ammirare il meraviglioso Castello di Cerro al Volturno e l’Abbazia di San Vincenzo al Volturno.

Il Video tratto da:Air Abruzzo

 

Condividi questo post:
Share
Admin
By Admin maggio 9, 2016 13:41
Write a comment

No Comments

No Comments Yet!

Let me tell You a sad story ! There are no comments yet, but You can be first one to comment this article.

Write a comment
View comments

Write a comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*

*