Limite di velocità sulla SS 652 Fondo Valle Sangro – AUTOVELOX Bivio Cupone – Svincolo Rionero Sannitico

Admin
By Admin settembre 18, 2017 18:53

Limite di velocità sulla SS 652 Fondo Valle Sangro – AUTOVELOX  Bivio Cupone – Svincolo Rionero Sannitico

Story Highlights

 

Nel percorrere il tratto di strada che va dallo svolgono per San VittorinoCupone di Cerro al Volturno e fino allo svincolo per il comune di Rionero Sannitico della SS 652 Fondo Valle Sangro ho notato che prima del Viadotto della Fede è stato posto un segnale verticale di cinquanta chilometri all’ora ( limite massimo di velocità) dove ci sono delle strisce gialle, sotto al limite di velocità vi è anche un segnale di divieto di sorpasso per tutti i veicoli a motore con tre o più ruote.
Voi vi state domandando perché sto affondando questo problema. Considerato che su questo tratto di strada ci passo molto spesso e in diversi orari della giornata vorrei capirci meglio su come comportarmi e dopo aver spiegato, speriamo, meglio il caso mi auguro che qualcuno mi dia una risposta valida.
Il codice stradale dice che quando trovi un segnale di divieto che Indica la velocità massima in chilometri orari alla quale i veicoli possono procedere immediatamente dopo il segnale devi rispettarlo fino a quando non trovi un altro segnale che Indica la fine del limite sulla velocità massima alla quale i veicoli possono procedere e che ripristina il primario limite di velocità relativo al tipo di strada percorsa.
Dal tratto di strada di cui stiamo parlando e fino allo svincolo per Rionero Sannitico non ci sono intersezioni stradali pubbliche che possano applicare la sentenza della Suprema Corte di Cassazione che con ordinanza n. 11018 del 20 maggio 2014 dice che sono nulle tutte le multe per eccesso di velocità con l’ausilio dell’autovelox se il segnale del limite di velocità non viene ripetuto dopo l’incrocio. Quindi dall’inizio del tratto di strada del Viadotto della Fede e fino allo svincolo per Rionero Sannitico l’automobilista deve rispettare il segnale del limite di velocità di 50 Km/h.
Lungo questo percorso di strada ci sono anche diverse segnaletiche di disposizione di corsie per i veicoli lenti e per sorpassi.
E qui adesso viene il bello. Sempre su questo tratto di strada puoi trovare due apparecchi autovelox , uno appena dopo il Viadotto della Fede e l’altro appena dopo lo svincolo lo svincolo per Rionero Sannitico.
Domanda: l’automobilista è punibile per aver superato il limite di velocità oppure no???
Se SI perché è punibile…
Se No perché non è soggetto al rispetto dei 50 km/h…..

E non finisce qui. Parliamo ora del tratto inverso , Svincolo Rionero Sannitico – svincolo San Vittorino Cupone. Alla fine del viadotto della Fede, sotto la frazione Foci ,troviamo un altro limite di velocità di 50 km/h. Questo limite creerebbe problemi se l’autovelox venisse installata prima dello svincolo a tutti quelli che escono dalla SS 652 per entrare nel territorio di Cerro al Volturno; mentre per quelli che proseguirebbero il viaggio si applicherebbe la sentenza della Suprema Corte di Cassazione ordinanza n. 11018 del 20 maggio 2014
La domanda è sempre la stessa:
l’automobilista è punibile per aver superato il limite di velocità oppure no???
Se SI perché è punibile…………
Se No perché non è soggetto al rispetto dei 50 km/h…..
Grazie a tutti coloro che apriranno un dialogo sull’argomento e contribuiranno a risolvere il caso. 

 

Condividi questo post:
Share
Admin
By Admin settembre 18, 2017 18:53
Write a comment

No Comments

No Comments Yet!

Let me tell You a sad story ! There are no comments yet, but You can be first one to comment this article.

Write a comment
View comments

Write a comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*

*

Seguici su:

Traduci:

Meteo Cerro al Volturno

Pubblicità

Siti amici

Sito Gold
motori ricerca

Archivio storico

Il castello Pandone di Cerro al Volturno
Il castello Pandone di Cerro al Volturno nasce con certezza nel 989 su precisa richiesta dell’abate di San Vincenzo. Pur avendo avuto numerose trasformazioni nel tempo l’impianto primario, quadrangolare, è rimasto in tatto. Si sa che questo castello, così come altri castelli costruiti nello stesso periodo,su indicazione dell’abate del monastero di San Vincenzo, dovevano servire per difendere il territorio dalle numerosi incursioni dei Saraceni. Le esigenze di costruire fortificazioni dotate di torri e in posti poco accessibili, nascevano dal fatto che prima del 989 i Saraceni avevano già ucciso tantissimi monaci residenti nell’Abazia. Alcuni testi parlano di circa settecento monaci massacrati dai Saraceni nell’incursione fatta tra gli anni dell’861 e dell’881). Continua…su questo link: http://www.cerro-dintorni.it/gallerie/il-castello-pandone-di-cerro-al-volturno/