Invia una cartolina virtuale per Pasqua

Admin
By Admin marzo 28, 2015 10:11

Cerca nel Portale

Link utili

  • Noi siamo qui
  • Registrati
  • test

SERVIZI SANITARI

  • Calendario prelievi
  • farmacia
  • Guardia medica
  • SPORTELLO SERVIZI SOCIALI

Traguardo volante Giro d’Italia femminile 2013 Colli a Volturno 3^ tappa Cerro al Volturno

Pellegrinaggio a Canneto 2011

Le più belle immagini di Cerro e dintorni le trovi qui

Calendario

ottobre: 2017
L M M G V S D
« Set    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

PUBBLICITA’

Pubblicità

Pubblicità

Pubblicità

Invia una cartolina virtuale per Pasqua

La Santa Pasqua è per i cristiani la commemorazione della resurrezione di Gesù Cristo e in questa giornata si celebra la festa liturgica. Per gli Ebrei è la giornata che commemora la fine della schiavitù di tutto il popolo Ebraico ed è una delle maggiori feste di Israele. La Santa Pasqua per tutti i cattolici è preceduta dalla settima Santa ed ha inizio la domenica delle Palme, giorno in cui tutti i partecipanti alla SS Messa portano in chiesa un ramo di ulivo per la benedizione delle palme. Le celebrazioni dei riti di Pasqua hanno il suo culmine con il triduo Pasquale del giovedì, venerdì e sabato Santo, ma assumono una maggiore visibilità con la veglia pasquale e il giorno della Santa Pasqua. Il periodo delle feste Pasquali ha la durata di cinquanta giorni e le varie manifestazioni e celebrazioni che la chiesa cattolica fa, si concludono con la Pentecoste. Le due parrocchie di Cerro al Volturno, molto attive sul territorio, organizzano per il giovedì Santo  l’istituzione dell’Eucarestia con la rappresentazione dell’ultima cena, il venerdì Santo con il ricordo della morte in croce di Gesù e il sabato santo con la veglia Pasquale in attesa della resurrezione di Gesù. Il lunedì che segue in quasi tutti i paesi è devozione fare la scampagnata in posti di pellegrinaggio, oppure direttamente in campagna. I Cerresi una volta si recavano a Valloni dove si festeggiava e si festeggia la Madonna dell’Arco , clicca qui per conoscere la vecchia tradizione. Oggi ancora tanti devoti si recano a Valloni per assistere alle manifestazioni religiose e civili , ma il pranzo del lunedì dell’Angelo non lo consumano più sui prati  del paese ma, ritornano direttamente a casa oppure scelgono posti diversi.

Indicativamente ecco i pranzi di Pasqua e Pasquetta.

  • La mattina si usa fare la prima colazione con la frittata egli asparagi, oppure con la “curatella” dell’agnello.
  1. Pranzo di Pasqua
  • Antipasti vari di affettati di casa e formaggi vari con sottaceti.
  •  Lasagna al forno,  oppure pasticcio di maccheroni.
  • Agnello alla brace con verdure varie cotte e crude. oppure
  • agnello arrosto con patate. oppure
  • capretto arrosto,
  • formaggi vari di casa (  prodotti del paese)
  • Frutta fresa e secca,
  • Dolci fatti in casa (frittelle varie – cioffe ecc.) colombe Pasquali  e pizza Pasquale,
  • Vini: Montepulciano d’Abruzzo – Sangiovese – Prosecco di Conegliano – spumante e bibite varie.
  1.  SCAMPAGNATA DI PASQUETTA
  • Antipasti di uova sode con salami vari e formaggio.
  • Spaghetti al sugo o con aglio e olio cotti in campagna.
  • Arrosto misto di Agnello e salsicce alla brace con verdure fresche.
  • Caciocavallo e caprino prodotti nel paese.
  • Frutta
  • Dolci fatti in casa Biscotti – fiatone –cioffe – colombe e pizza Pasquale.
  • Vini Montepulciano d’Abruzzo – Sangiovese – Prosecco di Conegliano spumante e bibite varie.

continua…….

[email_link]

Condividi questo post:
Share
Admin
By Admin marzo 28, 2015 10:11

Seguici su:

Traduci:

Meteo Cerro al Volturno

Pubblicità

Siti amici

Sito Gold
motori ricerca

Archivio storico

Il castello Pandone di Cerro al Volturno
Il castello Pandone di Cerro al Volturno nasce con certezza nel 989 su precisa richiesta dell’abate di San Vincenzo. Pur avendo avuto numerose trasformazioni nel tempo l’impianto primario, quadrangolare, è rimasto in tatto. Si sa che questo castello, così come altri castelli costruiti nello stesso periodo,su indicazione dell’abate del monastero di San Vincenzo, dovevano servire per difendere il territorio dalle numerosi incursioni dei Saraceni. Le esigenze di costruire fortificazioni dotate di torri e in posti poco accessibili, nascevano dal fatto che prima del 989 i Saraceni avevano già ucciso tantissimi monaci residenti nell’Abazia. Alcuni testi parlano di circa settecento monaci massacrati dai Saraceni nell’incursione fatta tra gli anni dell’861 e dell’881). Continua…su questo link: http://www.cerro-dintorni.it/gallerie/il-castello-pandone-di-cerro-al-volturno/