Back to homepage

Elezioni 24 e 25 febbraio 2013 – Alto Volturno e dintorni

Elezioni 24 e 25 febbraio 2013 – Alto Volturno e dintorni

Rinnovo-elezioni-Parlametno-Italiano-Comuni-alto-Volturno-e-dintorniLo tsunami del Movimento Cinque stelle travolge tutti e scombina tutti i piani dei vari lider che non si aspettavano un risultato così ampio da mettere fuori gioco partiti e leader della vecchia guardia.  Sarebbe stato auspicabile che il mondo politica avesse avuto un ricambio graduale per consentire ai più giovani di  poter entrare in politica con un bagaglio di esperienza maggiore rispetto a  quella di questa nuova generazione che sta entrando in politica.

Purtroppo, gli eventi, la rabbia dei giovani che si trovano senza lavoro e con poche speranze per il futuro ha fato scoppiare una contestazione generale condotta da l’unico interlocutore che ha saputo cogliere il momento per dire basta a questo modo di fare e gestire la politica.

 E’ da molto che si parla di riforme, ma poco è stato fatto rispetto alle attese di tutti, a cominciare dal numero dei parlamenta, sicuramente troppi rispetto ad una nazione che ha bisogno di pochi sprechi e molti investimenti nel lavoro., Si è parlato di riforma elettorale, tutti  ne hanno parlato ma anche tutti speravano di poter cogliere in questa occasione il momento per avere la maggioranza assoluto ai due rami del Parlamento. Si è parlato di togliere i finanziamenti ai partiti, ma pochi hanno preso e affrontato  sul serio il problema e per finire la beffa delle province. Tutto questo ha fatto arrabbiare i giovani, i disoccupati, i pensionati  e milioni di persone che non sa come arrivare a fine mese, pertanto   si è appigliato alla speranza di poter  percorrere con un nuovo soggetto un nuovo camino per riprendere fiato.

Il Molise non è stato a guardare e ha reagito con forza dando migliaia di voti al Movimento che per una legge (Infame) non ha portato al parlamento i suoi rappresentanti.

Cosa è successo dalle nostre parti:

Il PD forte di una candidatura locale alla regione trascina buona parte dell’elettorato  e si conferma come primo partito dell’alta valle del Volturno con 1033 voti al Senato e 1236 voti alla camera. il comune dove ha preso più voti il centro sinistra è stato Cerro al Volturno 354 voti alla camera e 305 voti al Senato, paese del candidato locale alla regione, poi  una buona affermazione anche a Rocchetta a Volturno, Rionero Sannitico e colli a Volturno calando con i consensi  al Senato per effetto del candidato locale a Colli a Volturno.

Per conoscere  la graduatoria delle liste al Senato CLICCA QUI.

per conoscere la graduatoria delle liste alla Camera CLICCA QUI.

Al secondo posto si è piazza Fratelli d’Italia con 1022 voti, anche questo partito è stato premiato per la presenta nella valle di un candidato del posto al senato.   Al terzo posto si è piazzato il PDL con 832 voti,  qui si è fatto sentire il personaggio nazionale e alcune rappresentanze nei comuni dell’alto Volturno. Al quarto posto con una buona rappresentanza di voti troviamo il Movimento 5 Stelle che raccoglie 713 voti. A seguire ci sono tutti gli altri partiti i cui voti possono essere visti nella tabella allegata. Allegare tabella

Alle regionali buone le prestazioni dei locali , quasi tutti appartenente al centro sinistra . Una buona prestazione è stata quella di Di Pascale che ha raccolto dai comuni dell’alto Volturno e dintorni un buon numero di voti piazzandosi al terzo posto nel partito con 1174 voti e ottavo nel contesto provinciale con 64 candidati consiglieri.  Buono anche il risultato di Martino che ha raggiunto 702 voti  a livello provinciale. Poco bene è andata agli altri candidati consiglieri dello stesso contesto elettorale.

Dai dati emersi nei nove comuni interessati alle elezioni per il rinnovo del Parlamento Italiano si può dedurre che da una vocazione prettamente di centro destra l’elettorato a livello Regionale ha dato la fiducia al Centro sinistra dove era più forte e radicata la rappresentanza locale, mentre a livello parlamentare ha mantenuto anche se di poco la leadership.

I dati dei risultati sono in formato JPEG

Tutti i dati del Senato e della Camera dei deputati dell’alta Valle del Volturno e dintorni, divisi per comune, possono essere consultati aprendo questa pagina del sito “RISULTATI ELEZIONI PER IL RINNOVO  DEL SENATO   24 E 25 FEBBRAIO 2013”  Mentre per consultare i voti alla Camera dei deputati  apri questa pagina “RISULTATI ELEZIONI PER IL RINNOVO  DELA  CAMERA  24 E 25 FEBBRAIO 2013” –

Condividi questo post:
Share
Write a comment

No Comments

No Comments Yet!

Let me tell You a sad story ! There are no comments yet, but You can be first one to comment this article.

Write a comment
View comments

Write a comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*

*

Seguici su:

Traduci:

Meteo Cerro al Volturno

Pubblicità

Siti amici

Sito Gold
motori ricerca

Archivio storico

Il castello Pandone di Cerro al Volturno
Il castello Pandone di Cerro al Volturno nasce con certezza nel 989 su precisa richiesta dell’abate di San Vincenzo. Pur avendo avuto numerose trasformazioni nel tempo l’impianto primario, quadrangolare, è rimasto in tatto. Si sa che questo castello, così come altri castelli costruiti nello stesso periodo,su indicazione dell’abate del monastero di San Vincenzo, dovevano servire per difendere il territorio dalle numerosi incursioni dei Saraceni. Le esigenze di costruire fortificazioni dotate di torri e in posti poco accessibili, nascevano dal fatto che prima del 989 i Saraceni avevano già ucciso tantissimi monaci residenti nell’Abazia. Alcuni testi parlano di circa settecento monaci massacrati dai Saraceni nell’incursione fatta tra gli anni dell’861 e dell’881). Continua…su questo link: http://www.cerro-dintorni.it/gallerie/il-castello-pandone-di-cerro-al-volturno/