Gl’ Cierv’ Il carnevale di Castelnuovo al Volturno 26 febbraio 2017

Admin
By Admin febbraio 18, 2017 19:07

Gl’ Cierv’ Il carnevale di Castelnuovo al Volturno 26 febbraio 2017

Una manifestazione importante è quella che si svolge l’ultima domenica di carnevale a Castelnuovo al Volturno, frazione che dista pochi chilometri dal capoluogo comunale Rocchetta al Volturno. La manifestazione ha conquistato un posto significante e importante tra le feste che si svolgono sia nel Molise sia fuori regione. La festa, per scelta organizzativa inizia nel pomeriggio davanti a centinaia di visitatori che già dalla mattina si recano nel paese per assistere all’evento. Castelnuovo al Volturno è una piccola frazione ai piedi delle Mainarde nel Parco Nazionale Abruzzo, Lazio Molise, dove nasce la storia di Charles Moulin un uomo di grandi doti che ha vissuto tantissimi anni della sua vita sulla cima di Monte Marrone, in una piccolissima grotte che aveva per tetto delle grandi lastre di pietra. La rappresentazione della maschera si chiama “Gl’ Cierv” L’uomo cervo e si realizza sotto forma di pantomima dove i protagonisti sono il cacciatore il cervo e Martino, quest’ultimo è un uomo che indossa un abito bianco in segno di bene e di amore e che ha il compito di tenere a bada le bestie infuriate. La manifestazione si apre con l’entrata in scena delle “Janare”, sono delle streghe che prevedono l’arrivo del male, poi a seguire cominciano a uscire gli zampognari, una figura tipica della zona (vedi Festival internazionale della zampogna di Scapoli, un paese distante un chilometro e più da Castelnuovo). Dopo gli zampognari ecco che finalmente entra in scena la figura più importante di tutta la manifestazione “Gl’ Cierv” il cervo che arriva dai vicoli del borgo antico con campanacci attaccati addosso, corna ramificate in testa che mette paura alla gente. Martino che rappresenta il bene, blocca gli animali impazziti per un certo periodo, ma questi riescono a liberarsi e a continuare a fare violenze alla gente. Per fermare la violenza delle bestie colpite dal male, ci vuole l’intervento del cacciatore che riesce a bloccare definitivamente gli animali accasciandosi al suolo senza vita. Il cacciatore, visto ormai i corpi senza vita delle bestie si avvicina e con un semplice soffio alle orecchie riesce a far rinascere le bestie che spoglie del male rivivono un’altra vita. La manifestazione termina con la riapparizione delle streghe che girano interno a un grande falò. E’ questa una brevissima rappresentazione descrittiva di tutta la manifestazione, ma viverla e riviverla in piazza con tutti gli attori è veramente qualcosa da non perdere.

Condividi questo post:
Share
Admin
By Admin febbraio 18, 2017 19:07
Write a comment

No Comments

No Comments Yet!

Let me tell You a sad story ! There are no comments yet, but You can be first one to comment this article.

Write a comment
View comments

Write a comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*

*